for-rent | I contenuti della ricerca
16371
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-16371,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-7.5,hide_inital_sticky,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

FOR RENT Campi di potenziale incontro tra domanda e offerta di affitto sociale

Addressing the gap between demand and supply of affordable housing

LE LINEE DI RICERCA

Una ricerca multidisciplinare

FOR RENT (affittasi) è un progetto di ricerca del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano finanziato con fondi Farb (Fondi di Ateneo per la Ricerca di Base). FOR RENT ha l’obiettivo di indagare le forme (politiche, sociali, urbane e architettoniche) di offerta di casa a basso costo nell’attuale panorama urbano. La questione della casa accessibile si pone a Milano e in Italia come un tema strategico, a cui si legano una serie di componenti urbane complesse, oltre alla produzione di nuovi spazi per abitare: dalla questione dell’autonomia abitativa dei giovani a quella della mobilità geografica e lavorativa, alle nuove dinamiche di ri-organizzazione in nuclei abitativi, ai modi di abitare delle popolazioni immigrate. La questione dell’affitto rimanda anche ai temi del riuso e alla necessità di progetti che forniscano risposta di casa senza consumare suolo.

Parchè parlare di affitto oggi (il quadro)

Per decenni la ‘casa in proprietà’ è stata considerata un fattore di stabilità sociale orientando una quota consistente delle risorse pubbliche al fine di garantire l’accesso anche alle categorie meno abbienti. Soluzione proprietaria che è entrata oggi in crisi, dato l’estendersi della fascia del disagio e della vulnerabilità, il mutare delle caratteristiche strutturali della domanda, la presenza di new incomers le cui aspettative di crescita e di radicamento si stanno ridefinendo. Al cambiamento socio-economico si è accompagnata la crisi del 2008: in modo congiunto questi due fattori hanno condotto a una crescita e una ri-articolazione della domanda di affitto a costi controllati. Come cambia la mappa dei bisogni abitativi (in termini, tipologici, localizzativi, temporali) così cambia la capacità di una molteplicità di attori (pubblici, privati, del privato sociale, collettivi e movimenti) di mobilitare risorse – di natura non solo finanziaria – per fornire nuove risposte, sia come forme di reinvenzione e adattamento di tradizionali canali di intervento (ad esempio l’edilizia pubblica, ma anche la proprietà indivisa e i patrimoni dei grandi enti proprietari), sia come nuove modalità di azione (ad esempio il social housing).

Gli obiettivi della ricerca (il nostro orizzonte)

FOR RENT sottolinea la possibilità che quello dell’affitto rappresenti un titolo di godimento in cui maggiormente oggi si possono esprimere progetti ed esigenze contemporanei. FOR RENT allude alla possibilità che si apra un campo di riflessione e di progetto “a favore della locazione”, come forma di uso della casa più aderente alle esigenze della società contemporanea e alle condizioni di crisi della città. Ricostruendo criticamente il quadro degli interventi e delle politiche per l’affitto, FOR RENT mira a rilanciare il dibattito su un tema che appare oggi marginale nell’agenda politica nazionale e poco considerato all’interno delle discipline urbanistiche. L’obiettivo è quello di guardare oltre il modello di protagonismo della questione proprietaria costruendo la cassetta degli attrezzi per affrontare questo passaggio, guardando alle potenzialità e alle criticità dell’offerta in affitto oggi.

Le linee di ricerca (cosa faremo)

FOR RENT si prefigge l’obiettivo di ricostruire il quadro relativo alla casa in affitto dal punto di vista della offerta, di ciò quindi che si produce dal punto di vista delle politiche e delle sperimentazioni a diversi livelli di governo: da quello centrale, a quello regionale e locale. L’ipotesi di ricerca è quella di studiare una politica “in azione”, avendo come punto di osservazione il campo che si apre tra autonomia decisionale dei singoli attori e vincoli di carattere sistemico, comprendendo così quali fattori e tendenze influenzano la produzione di casa in affitto accessibile oggi. Nello specifico la ricerca intende:

1. ricostruire i principali provvedimenti assunti a scala nazionale e regionale, con attenzione al tema dell’offerta in affitto e delle sue problematicità;

2. osservare le pratiche di produzione e gestione di alloggi in locazione da parte di attori pubblici e privati, attraverso l’osservazione di alcuni contesti a scala nazionale;

3. attivare un ‘osservatorio’ sul tema dell’affitto accessibile nella città di Milano sovrapponendo diverse letture – i grandi proprietari di patrimonio in locazione, le esperienze e i progetti milanesi di social housing, le politiche pubbliche locali sul mercato privato, gli strumenti urbanistici per l’alloggio in locazione – al fine di ricostruire una visione complessa e multiprospettica del tema;

4. avviare una riflessione a livello nazionale intorno al dibattito e alle pratiche promossi da movimenti e gruppi politici attivi sul tema dell’accesso all’abitazione.

Il progetto di ricerca FOR RENT – Campi di potenziale incontro tra domanda e offerta di casa a basso costo – è attivo da maggio 2015 e ha una durata di 18 mesi.

Una ricerca aperta al territorio (una ricerca ‘pubblica’)

FOR RENT affianca alla ricerca di base una serie di strumenti volti alla condivisione del sapere per favorire il dibattito anche nel mondo extra-accademico. In particolare FOR RENT prevede la realizzazione di un sito internet e l’organizzazione di seminari, lezioni aperte e tavole rotonde, per la condivisione e veicolazione dei contenuti della ricerca. Inoltre FOR RENT ha scelto di aprire una seconda sede di progetto all’interno dello spazio Mapping San Siro in via Abbiati 4 nel cuore di uno dei più rappresentativi quartieri di edilizia pubblica di Milano.

L’equipe di lavoro

Il progetto è coordinato da Cognetti Francesca (Ricercatrice, Esperta di politiche urbane) e vede coinvolta un’equipe multidisciplinare interna al Dipartimento di Architettura e Studi urbani: Giuliana Costa (Sociologa), Luca Gaeta (Urbanista), Anna Delera (Architetto), Andrea Di Giovanni (Urbanista), Petrillo Agostino (Sociologo Urbano), Fabio Manfredini (Tecnico analisi dati e cartografia), Motti Matteo (Architetto, Politecnico di Milano). Supportano la ricerca: Elisabetta Capelli, Jacopo Lareno Faccini, Alice Ranzini, Gabriele Solazzi. Il gruppo di ricerca ha inoltre attivato un board di supervisione composto da esperti di alta qualificazione: prof.sa Bianca Bottero (Architetto, Esperta di abitare e sostenibilità, Politecnico di Milano); prof.sa Liliana Padovani (Urbanista, Esperta di politiche abitative, IAUV Venezia); prof. Antonio Tosi (Sociologo, Esperto di housing e abitare, Politecnico di Milano).